giovedì, Febbraio 22, 2024
AnzianiAnzianiDemenzaDisabilitàinformazioneIntegrazione socialemusicaStimolazione cognitivaTutte

Teniamoci Attivi – Gioco musicale: Gioco dei Gesti per allenare le capacità cognitive

Allenare le capacità cognitive delle persone con Alzheimer o altra demenza attraverso un gioco musicale può essere una grande risorsa in un momento complicato come questo. Infatti il contatto ravvicinato e acuito dalla quarantena aumenta la difficoltà di comunicazione tra questi e i loro familiari.

Questo è sicuramente dovuto allo stress che stiamo accumulando e allo sforzo dei caregivers nell’accudire i loro cari in questa emergenza più di prima. Ma c’è da non dimenticare che alcune cose che per noi sembrano semplici da capire, risultano molto complicate per le persone con demenza perché le capacità cognitive conservate sono ridotte e vanno stimolate, allenate per far sì che i nostri cari mantengano la mente attiva e siano più vigili.

Quindi è importante esercitare le funzioni cognitive anche perché una maggiore operosità della mente può avere ricadute positive su tutte le aree della vita quotidiana.

Giocare con il ritmo

Con l’attività sulle canzoni preferite dai nostri cari con Alzheimer, per la rubrica Giochi Musicali di Teniamoci Attivi proposto domenica scorsa,  ci siamo concentrati proprio su questo aspetto con l’espediente di utilizzare la domanda con due alternative di risposta.

L’esercizio di portare il ritmo, invece, porta benefici su più livelli insieme. Soprattutto può essere un gioco semplice ed efficace da fare in famiglia. Infatti può essere un’attività divertente per passare alcuni momenti insieme grazie alla musica.

Come sempre però questi giochi hanno anche l’obiettivo di rafforzare un legame emotivo che migliora l’umore e favorisce il benessere.

Non solo il caregiver può trovare un modo utile e divertente di “giocare” con il proprio caro. Ma questo può allenare alcune capacità cognitive nella demenza che altrimenti non verrebbero esercitate abbastanza.

Qual è l’obiettivo del gioco?

Con questo gioco infatti cerchiamo di stimolare l’attenzione, la memoria a breve termine e il controllo degli impulsi.

  • L’attenzione viene stimolata grazie al dover imitare i gesti su un sottofondo. Si creano, in questo modo, due livelli attentivi e si favorisce la loro distinzione chiedendo di seguirne più attentamente uno dei due. In questo caso i gesti che propone il caregiver.
  • La memoria a breve termine viene allenata dal dover ricordare tre pattern di gesti e di seguire le istruzioni e i cambi del caregiver.
  • Il controllo degli impulsi infine viene stimolato grazie al dover seguire un tempo ben definito dalle musiche scelte.

Questo esercizio consente di allenare la mente in maniera ludica, proprio perché sotto forma di gioco in un clima sereno e divertente che ha ripercussioni anche sul tono dell’umore.

Un altro punto importante è che allo stesso tempo si ascolta musica che consente di fare una piccola attivazione motoria e sensoriale.

Nel gioco proposto si chiede di imitare e seguire il tempo di una musica scelta, consigliando tre movimenti di base che possono essere alternati come spiegato nel video.

Come giocare? Ecco le regole

Sebbene è importante tenere l’attenzione del proprio caro focalizzata, è semplice provare a fare questo gioco in gruppo con tutta la famiglia. Per poterlo fare bisogna che una persona sia la guida scelta in maniera esplicita.

Questa deve posizionarsi di fronte al familiare con demenza per facilitargli il compito. Gli altri familiari si porranno in cerchio cercando di seguire le indicazioni della guida. Preferibilmente evitando di dare altri stimoli che potrebbero distrarre dal compito. Fare questo esercizio in gruppo può essere complesso se la persona presenta un deterioramento delle capacità cognitive importante. Ma tenendo a mente questi semplici consigli e facendo sempre attenzione ad avere un clima sereno e allegro, evitando di sottolineare gli errori che potrebbe causare frustrazione non necessaria, può diventare una risorsa ancora maggiore per la persona in difficoltà.

Questo gioco non è un intervento di musicoterapia, bensì un gioco semplice che si può realizzare in casa per poter condividere un momento piacevole e anche utile.

Per la playlist utile ai caregiver per questo gioco cliccare sul bottone di lato.


Seguici sui nostri social