Autismo: quali attività da fare a casa insieme? Preparare i biscotti!

Con le misure di emergenza adottate per evitare la diffusione del Covid-19, si consiglia di uscire il meno possibile da casa. Restare in casa può offrire la possibilità di fare tante attività diverse insieme alla propria famiglia, trascorrendo il tempo in compagnia. Coinvolgere i propri bambini e ragazzi con autismo nelle attività quotidiane può essere un modo piacevole di stare insieme e favorire la relazione con l’altro: un’attività semplice da fare in casa divertente e allo stesso tempo stimolante è preparare i biscotti insieme!

Cucinare insieme può rappresentare un valido momento di svago. Infatti  la possibilità di ritrovare l’entusiasmo nella routine e magari scoprire quanto a molti possa piacere, agisce sulla capacità di tollerare la frustrazione se qualcosa non va esattamente come si spera

Inoltre, spesso, fotografie, immagini e disegni permettono al bambino e ragazzo con autismo di capire meglio ciò che gli viene richiesto e di metterlo in pratica. Prima di iniziare l’attività, può essere utile fornire stimoli visivi a ciò che si dice. Ad esempio, potreste mostrare la foto di un biscotto accanto ad un gioco preferito dal bambino o ragazzo dicendo: “Adesso prepariamo i biscotti e poi giochiamo con la macchinina”.

Passaggi per fare i biscotti insieme

Vediamo insieme i passaggi da seguire per fare dei bei biscotti di pasta frolla con il vostro bambino. Ecco quali:

  • Innanzitutto preparate gli ingredienti che vi occorrono per la pasta frolla sul tavolo, già pesati e in contenitori separati e trasparenti sul tavolo, in modo che siano tutti ben visibili.
  • Chiedete al vostro bambino di passarvi gli ingredienti uno alla volta per non creare confusione, magari nominare e indicare le ciotoline corrispondenti per facilitare il riconoscimento di ciascun ingrediente.
  • Procedete ad impastare voi i vari ingredienti poiché potrebbe essere un’operazione più complessa. Successivamente dividete il panetto in due e date un po’ di pasta al vostro bambino così da poter stendere insieme a voi la pasta frolla. Inoltre la manipolazione dell’impasto potrebbe essere un momento di pure divertimento per il bambino.
  • Chiedete al vostro bambino di stendere la pasta. Magari potrebbe utilizzare proprio il matterello che usa per giocare solitamente con la plastilina (accuratamente lavato e igienizzato). Se non ne ha uno, potete utilizzare anche un barattolo. È utile che entrambi svolgiate la medesima attività, di modo tale da favorire l’imitazione. Se il vostro bambino non riesce nella stesura della pasta, ma vuole solo giocarci, lasciatelo giocare e stendete voi l’impasto. Ricordate che l’importante è divertirsi e passare un bel momento insieme.
  • Prendete le formine e fate scegliere al vostro bambino quelle che più gli piacciono, magari presentandole due alla volta per facilitare la scelta. Potete utilizzare le formine con cui solitamente gioca. Se non le avete, qualsiasi altro stampino per biscotti o più semplicemente un bicchiere o una tazzina.
  • Infine chiedete al vostro bambino di fare le formine. Se non riesce, aiutatelo voi, continuando a divertirvi insieme. Infornate i biscotti e aspettate che siano pronti per essere mangiati!
Un’attività piacevole ma anche utile

Oltre a favorire il benessere e il divertimento restando a casa, preparare i biscotti insieme è anche un’attività molto utile per i bambini e i ragazzi con autismo perché permette di stimolare di verse abilità contemporaneamente. Infatti:

  • Manipolare l’impasto, fare i biscotti con le forme più strane aiuta a familiarizzare con il cibo e magari sviluppare curiosità verso nuovi gusti.
  • Stendere l’impasto dei biscotti permette di migliorare la motricità e la coordinazione motoria in particolare la coordinazione oculo-manuale.
  • Si favorisce il senso di autonomia, soprattutto se si affidano compiti da svolgere da solo, come mescolare o aggiungere l’acqua.

Inoltre, questa attività permette di conoscere il cibo dal punto di vista sensoriale: annusando il cibo, manipolando l’impasto, prestando attenzione ai suoni che provengono dalla cucina (ad esempio il suono del timer del forno).

Non vi resta che assaporare i biscotti preparati insieme al vostro bambino con tutta la famiglia!

Dottoresse in Psicologia:
Dott.ssa Marina DeiDott.ssa Rosamaria Satriano.


Seguici sui nostri social