giovedì, Aprile 25, 2024
AnzianiAnzianiDemenzaDisabilitàIntegrazione socialeStimolazione cognitivaTutte

Teniamoci Attivi – Gioco cognitivo per persone con demenza: Per ogni città trova l’intruso!

Vi teniamo compagnia anche questa settimana con un nuovo Gioco Cognitivo. Il gioco di oggi si chiama: Trova l’intruso e permette di allenare diverse funzioni grazie alle sue caratteristiche. Nel gioco cognitivo il vostro familiare con demenza dovrà riconoscere le immagini presenti nella scheda e capire a quale città si riferiscono. Inoltre dovrà poi trovare l’immagine intrusa, cioè quella che si riferisce ad una città diversa rispetto alle altre.

Le capacità stimolate dal gioco

Tramite questo gioco cognitivo il vostro familiare con demenza potrà allenare la capacità di riconoscimento di immagini in quanto dovrà riconoscere tutti gli elementi delle città presenti nelle foto. Ancora eserciterà la logica allenando le capacità di associazione e discriminazione:

  • Infatti ogni foto ha degli elementi che la collegano ad una specifica città (associazione).
  • Di conseguenza dovrà individuare qual è la città giusta e capire qual è la foto da escludere rispetto alle altre perché si riferisce ad una città diversa (discriminazione).

Inoltre potrà allenare l’attenzione e la memoria. La prima in quanto è un gioco che richiede del tempo per trovare la risposta giusta e questo significa restare concentrati su un compito a lungo allenando un tipo particolare di attenzione, l’attenzione sostenuta. La seconda in quanto riconoscere le foto e collegarle alla città giusta presuppone andare scavare nei ricordi per richiamare tutto ciò che si conosce di quelle determinate città e individuare gli elementi comuni.

Divertirsi insieme alla famiglia

Questo gioco sarà sicuramente più divertente se giocate insieme ai vostri familiari e cerchiate con lui la risposta giusta. Se non doveste riuscire a capire i riferimenti ad una città non preoccupatevi, alla fine delle schede troverete tutte le soluzioni.

Fateci sapere se il gioco vi è piaciuto, buon divertimento e al prossimo gioco

Dott.ssa Noemi Guasco (Psicologa)


Seguici sui nostri social