venerdì, Giugno 21, 2024
AnzianiAnzianiDemenzaDisabilitàIntegrazione socialeStimolazione cognitivaTutte

Teniamoci Attivi – Gioco cognitivo per persone con demenza: l’orientamento spaziale con “Napul’è”

Oggi per la rubrica Teniamoci Attivi, proponiamo un gioco cognitivo che permetterà ai vostri familiari con demenza di allenare un’importante funzione: l’Orientamento Spaziale. L’orientamento è la capacità di individuare e di individuarsi in relazione al contesto specifico. In pratica, l’anziano deve comprendere la sua posizione o quella di un oggetto utilizzando dei punti di riferimento.

Un esempio è il sapere in che luogo si è, sembra banale, ma per le persone che soffrono di demenza può essere una domanda difficile. Nello specifico l’orientamento spaziale aiuta la persona a comprendere in che contesto si trova. Ad esempio: in che luogo (camera, cucina, ospedale, casa), in che ambiente (giardino, parco, spiaggia), in che città, in che Stato.

Dovrà quindi utilizzare i riferimenti che può osservare o che dovrà conoscere e quindi ricordare.

Per esempio, se l’anziano deve capire in che stanza si trova, può osservarsi intorno e capirlo grazie dall’arredamento, ad esempio un divano indica il salotto. Al contrario, se chiediamo in che città vive, dovrà rispondere utilizzando come riferimento i suoi ricordi  (“Sono nato a Milano ma, da tanti anni, vivo a Senigallia”). 

Napul’è!

Il gioco di oggi si chiama Napul’è e vi porta in un viaggio nella memoria verso i luoghi tipici della nostra bellissima Napoli. Nelle schede troverete delle foto di Napoli e dovrete chiedere al vostro familiare con demenza che luogo è e in che parte di Napoli si trova. Potreste non conoscere tutti i nomi dei luoghi inseriti, per questo nelle ultime due schede troverete le soluzioni, cioè la foto a che luogo si riferisce e in quale zona di Napoli si trova.

Giocare con le città

Ovviamente questa attività è possibile svolgerla con foto di qualsiasi città. Infatti se il vostro familiare non è originario di Napoli ma di un’altra città potete stampare delle foto della sua città e giocare ugualmente. Laddove possibile chiedete al vostro familiare di costruire un percorso da una zona all’altra di Napoli e fatevi dire “come raggiungere ad esempio Piazza Bovio da Piazza Garibaldi”. Fatevi raccontare qualsiasi ricordo il vostro familiare possa avere di quei luoghi e raccontategli i vostri ricordi se ne avete, diventerà un momento di condivisione bellissimo. 

Fateci sapere se voi e i vostri cari con demenza avete apprezzato questo gioco cognitivo sull’orientamento spaziale e quali sono i posti che più sono impressi nei loro ricordi!

 Al prossimo gioco.

Dott.ssa Noemi Guasco (Psicologa)


Seguici sui nostri social