giovedì, Aprile 25, 2024
Età evolutivaFormazioneinformazioneIntegrazione socialeServizio CivileSportello TAM TAMTutte

Oltre le difficoltà: personaggi famosi con DSA e i loro punti di forza

Quando si parla di DSA, ormai, si pensa esclusivamente alla loro accezione negativa. D’altronde lo stesso acronimo DSA contiene la parola “disturbo” ma, al di là di questo, della difficoltà e degli insuccessi scolastici che si possono riscontrare; oltre la depressione e l’ansia che possono sperimentare, le persone con DSA presentano delle potenzialità eccezionali, non sempre riconosciute in ambito accademico e non. Il DSA viene spesso etichettato come una forma di disabilità. Per cui si ritiene che i bambini con difficoltà specifiche di apprendimento possano avere più o meno serie difficoltà non solo a scuola ma anche in altri contesti di vita. Sarebbe più opportuno pensare oggi al DSA non soltanto come ad un disturbo che porta a deficit nell’apprendimento, quanto piuttosto ad una condizione che richiede una “diversa modalità di apprendere”. Le persone con DSA infatti presentano delle proprie peculiarità e punti forza.

Tale cambio di prospettiva modificherebbe sicuramente la visione ingenua, attuale su questa categoria di disordini del Neurosviluppo, conferendo maggiore sensibilità e dignità alle persone che giorno dopo giorno vivono tale condizione.

Contrariamente a quanto si possa pensare, infatti, i bambini con DSA presentano enormi potenzialità, delle vere e proprie risorse che si trasformano in punti di forza se adeguatamente stimolate. Tra queste la creatività ne è un esempio. Diversi studi hanno analizzato il rapporto tra creatività e DSA, o DSA e successo nello sport. Le differenze riscontrate andrebbero a spiegare non solo le difficoltà che il bambino riscontra nelle modalità convenzionali di apprendimento utilizzate in ambito scolastico, ma spiegherebbero anche i diversi processi di elaborazione della realtà alla base dei talenti artistici e creativi, spesso presenti nei DSA. 

I punti di forza dei bambini con DSA

Nel corso del tempo, i diversi studi si sono concentrati nell’individuare i punti di forza di bambini e ragazzi con DSA spiegando come le loro difficoltà possano essere ricondotte a differenze neurobiologiche. Queste ultime comportano anche differenze nei processi di elaborazione della realtà che non è detto abbiano solo aspetti negativi, anzi possono costituire dei veri punti di forza.

Ad esempio, bambini e ragazzi con DSA:

  • Hanno un’intelligenza nella norma, o talvolta anche al di sopra della norma;
  • Presentano una buona visione di insieme. Vale a dire che elaborano gli stimoli percependoli in maniera globale e multidimensionale, attraverso l’utilizzo di tutti i sensi. I soggetti con DSA infatti, sono molto bravi nel creare mappe e schemi;
  • Pensano visualizzando immagini per cui presentano un’ottima memoria visiva;
  • Presentano delle strategie di apprendimento alternative da quelle utilizzate dagli altri bambini o insegnate a scuola. Non è detto che queste siano meno efficaci in quanto diverse e infatti tali strategie potrebbero addirittura aprire la strada a modalità diverse di insegnamento rivolte anche a bambini normotipici.
Altre risorse dei bambini con DSA

Molti bambini e ragazzi con DSA possono avere molto successo in ambito sportivo grazie ad alcune eccezionali abilità come: percepire l’ambiente tramite una visione globale e multidimensionale o pensare attraverso la visualizzazione delle immagini. Basti pensare che in molti sport è fondamentale avere una rappresentazione mentale visiva delle mosse dell’avversario prima che esse vengano attuate, come nel caso delle arti marziali. Inoltre, per i bambini con DSA le attività sportive possono essere molto significative. Essi tramite lo sport sono liberi di esprimersi e mettere in campo le proprie strategie e i propri punti di forza, sentirsi più efficaci e autonomi rispetto a genitori e insegnanti, portando così dei grandi benefici anche alla sfera emotiva.

Oltre alle abilità sportive, è molto frequente che le persone con DSA abbiano una spiccata creatività. Sono stati condotti diversi studi che hanno dimostrato quanto i bambini con DSA presentino delle doti creative eccezionali. Uno studio degli anni ’70 condotto su un gruppo di bambini dislessici, ha osservato come alcuni di loro avessero delle capacità eccezionali nel produrre quadri e oggetti artistici. Un altro studio, invece, condotto sugli studenti dell’Accademia d’arte, ha riportato una maggiore incidenza della dislessia fra questi studenti se confrontati con studenti di università non artistiche. Inoltre, si hanno buone ragioni per presumere che l’iscrizione all’accademia d’arte non era inteso come un tentativo di sfuggire alle esigenze di alfabetizzazione in campi accademici più tradizionali. Era piuttosto interpretato come una scelta genuina basata su una scoperta molto precoce di straordinari talenti.

Questi studi sono concentrati principalmente sulla dislessia, ma non mancano comunque aneddoti o osservazioni informali relativi a disgrafia, disortografia e discalculia.

Personaggi famosi con DSA

Molti personaggi tra scienziati, artisti, campioni sportivi, attori, con DSA hanno infatti avuto grande successo nella loro vita. Le difficoltà che presentavano in ambito accademico non hanno rappresentato un limite nella loro vita. Ricordiamone alcuni:

  • Pablo Picasso
    Ha imparato a leggere e scrivere in ritardo. Così come evidenziato da alcune ricerche che hanno ipotizzato che il famoso artista cubista avesse un disturbo specifico dell’apprendimento, sia di lettura che di scrittura.
  • Albert Einstein
    È senza dubbio uno dei più grandi geni creativi dei tempi moderni. Da bambino ha iniziato a parlare in ritardo e in seguito i ricercatori hanno supposto che avesse un disturbo specifico dell’abilità di lettura. La stessa descrizione di Einstein del suo pensiero scientifico era che ”le parole o il linguaggio scritto o parlato, non sembrano avere alcun ruolo nel meccanismo del mio pensiero […] “.

Se pensiamo a personaggi più recenti:

  • Steven Spielberg
    Famoso regista al quale fu diagnosticato un disturbo specifico dell’apprendimento in età adulta.
  • Dustin Hoffman
    Attore, regista e produttore cinematografico di successo.
  • Muhammed Ali
    Uno dei pugili più amati nel corso della storia per la sua grinta e il suo carisma.

Queste sono solo alcune delle persone con DSA maggiormente conosciute, ma ce ne sono molte altre che, seppure non siano di fama internazionale, sono riuscite a fronteggiare le loro difficoltà trasformandole in punti di forza e ottenere una vita di successo.

Dott.ssa Sabrina De Filippis


Seguici sui nostri social