venerdì, Giugno 21, 2024
AnzianiAnzianiDemenzainformazioneIntegrazione socialeStimolazione cognitivaTutte

Teniamoci Attivi – Laboratorio autonomie per la demenza: Sparecchiare la tavola insieme

Un’attività quotidiana per aumentare l’autoefficacia

Coinvolgere il vostro caro con demenza nelle faccende domestiche è molto utile per favorire l’autonomia, il senso di autoefficacia e di conseguenza per mantenere alto l’umore. Come molte altre attività anche sparecchiare la tavola potrebbe sembrare semplice, mentre in realtà può essere molto complessa per una persona con demenza. Infatti consta di più passaggi che comprendono azioni anche molto diverse tra loro. Riuscire a portare a termine il compito aumenta il senso di autoefficacia.  L’autoefficacia corrisponde alla consapevolezza di essere in grado di dominare determinate attività, situazioni o aspetti del proprio funzionamento psicologico. In altre parole è la percezione che si ha di sé di essere competente. Proprio nelle demenze l’autoefficacia non è sempre percepita, perché alcune abilità cognitive si vanno a mano a mano deteriorando e dunque compromettono l’esecuzione di un compito.

Inoltre sparecchiare la tavola è un modo di prendersi cura della propria casa e questo è importante poiché permette sia di mantenere l’autonomia, sia di prendere parte attivamente alla vita domestica, favorendo contemporaneamente anche il movimento.

Come facilitare l’attività

Per sparecchiare la tavola insieme al vostro caro con demenza è necessario compiere l’attività un passaggio alla volta. Ciò per non creare confusione e permettere al vostro caro di portare a termine l’attività.

  • Chiedere di riporre tutti gli avanzi di cibo in unico piatto e accanto a questo mettere tutti i tovaglioli sporchi e la bottiglia di plastica vuota. Ciò aiuta il vostro caro a proseguire in modo ordinato senza andare in confusione.
  • Apporre le etichette sulle pattumiere con il nome degli oggetti da buttare favorisce l’autonomia e rende più chiara l’azione. Infatti il vostro caro potrebbe avere problemi nel ricordare dove deve gettare gli oggetti, o di quale materiale sono fatti.
  • È importante che le etichette sia scritte con caratteri chiari e grandi così da essere facilmente leggibili.
  • Chiedere di sistemare prima i piatti, poi le posate, ed infine i bicchieri aiuta il vostro caro a procedere a piccoli passi e non andare in confusione.
  • Piegare insieme la tovaglia è utile poiché il vostro caro potrebbe aver dimenticato i passaggi che servono per farlo.
Aiutare non sostituire

Di fondamentale importanza è aiutare il vostro caro nelle attività di vita quotidiana senza sostituirvi ad esso. Molto spesso, infatti, si potrebbe avvertire un senso di frustrazione e di conseguenza sostituire la persona con demenza nell’esecuzione del compito. Per questo motivo è utile facilitare il compito, aiutarlo nel momento del bisogno, ed accompagnarlo nel portare a termine l’attività. Sebbene la persona con demenza possa mostrare delle difficoltà nella vita quotidiana è bene infatti, sostituirsi il più tardi possibile. In questo modo si sentirà ancora autonomo e competente nelle cose di tutti i giorni, e meno frustrato. 

È bene dunque, rispettare i loro tempi, guidandoli nei vari passaggi delle attività quotidiane. Sostituirsi a loro, infatti, può far perdere l’allenamento alle attività quotidiane andando ulteriormente a compromettere le abilità dei vostri cari con demenza. Abilità che risultano essere parzialmente conservate nonostante siano più lente e abbiano bisogno di maggiore sostegno.

Psicologa: Dott.ssa Marina Dei
Dottoresse in Psicologia:
Dott.ssa Sabrina De Filippis
, Dott.ssa Rosamaria Satriano.


Seguici sui nostri social