domenica, Aprile 21, 2024
alimentazioneAnzianiAnzianicaregiverDemenzainformazioneStimolazione cognitivaTutte

Demenza e Alzheimer: in che modo prevenire il declino cognitivo?

COME PREVENIRE IL DECLINO COGNITIVO E MANTENERE LE ABILITA’ MENTALI NEL TEMPO?

In quest’articolo sono contenute alcune linee guida da seguire per prevenire il declino cognitivo e lo sviluppo di una demenza.

Conservare un buono stato di salute anche durante l’invecchiamento è un’aspirazione possibile da raggiungere. Essere in salute vuol dire essere capaci di mantenersi impegnati dal punto di vista fisico e mentale, partecipare attivamente alla vita quotidiana e tenere sotto controllo i rischi legati all’ammalarsi. Anche in presenza di condizioni mediche che possono limitare la propria autonomia si può tendere al raggiungimento del benessere, nelle migliori condizioni possibili che una determinata patologia consente e soprattutto tutelando la propria salute mentale.

Alcuni consigli utili da seguire

In base alle evidenze raccolte in campo scientifico, ecco alcune raccomandazioni utili per prevenire il declino cognitivo e mantenere le proprie abilità mentali nel tempo:

  • Monitora la salute vascolare (Pressione / Diabete / Colesterolo)

Per garantire il corretto funzionamento del cervello, è necessario mantenere il corretto apporto di sangue.  Abitudini di vita sregolate possono ostacolare il flusso sanguigno causando potenzialmente danni alle strutture nervose.

  • Pratica attività fisica

L’attività fisica regolare, svolta con continuità e nei limiti delle possibilità fisiche della persona, migliora l’apporto di sangue al cervello, mantiene attive le connessioni neurali e aumenta il volume del cervello. Anche il miglioramento dei fattori di rischio cardiovascolare, attraverso l’attività fisica, contribuisce a proteggere il cervello da una condizione di Demenza.

  • Evita di fumare

Fumare rientra tra i comportamenti a rischio perché aumenta la possibilità di ictus o sanguinamenti cerebrali. Il fumo di sigaretta contiene diverse sostanze in grado di compromettere la salute delle cellule nervose: più è alto il consumo di tabacco, maggiori sono le possibilità di perdere neuroni, danneggiando così il cervello.

  • Osserva una corretta alimentazione

Modificare le abitudini alimentari, prevenendo condizioni di obesità, anche il comportamento alimentare influenza nel tempo lo stato di salute mentale e fisica. La dieta ha un’azione diretta sulla struttura del cervello perché può interagire sulle funzioni vascolari e di infiammazione. Un mancato controllo del peso corporeo e l’associazione ad altre patologie metaboliche possono aumentare il rischio di incidenza per Demenza, compromettendo i meccanismi di nutrimento delle cellule nervose.

Le attività motorie e sociali sono spesso sottovalutate
  • Monitora il tuo umore nel tempo

I sintomi depressivi possono essere un campanello d’allarme per il declino cognitivo o anche possono essere una reazione a dei cambiamenti delle abilità mentali. In caso di perdita di appetito, rallentamento o difficoltà nelle capacità di pensiero, affaticamento o mancanza di piacere nelle attività quotidiane, potrebbe essere utile un consulto con un professionista della salute mentale.

  • Mantieniti impegnato nella vita di tutti i giorni!

Stabilire degli obiettivi da raggiungere in termini di sfide quotidiane può spingere ad un maggiore impegno delle proprie capacità. Mettere alla prova le abilità mentali con costanza permette di preservare più a lungo le proprie prestazioni.

  • Partecipa ad attività sociali in famiglia e nel quartiere

Interagire spesso con gli altri e partecipare ad attivamente alla vita familiare ha un ruolo fondamentale nel proteggere le proprie capacità mentali. Essere coinvolto, anche a distanza attraverso il telefono o il computer, in attività con altre persone previene la sensazione di isolamento anche in presenza di difficoltà legate agli spostamenti.

Dott. Danilo Atripaldi, psicologo 


Seguici sui nostri social